GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE HANNO FIRMATO

Ben oltre le mille firme all’appello lanciato sul blog “Carcere, diritti e dignità”. Alcune adesioni ancora stanno arrivando e altre stiamo finendo di inserirle nel lungo elenco.  Un successo oltre ogni speranza, visti i mezzi limitati di una campagna affidata, di fatto, al passaparola o poco più.

Eppure, di fronte a un tema così complesso, tanti cittadini, con la loro firma, hanno dichiarato inaccettabile quanto avviene ogni giorno nelle celle dove sono stipati migliaia di detenuti. Lo testimoniano i numerosi commenti arrivati insieme alle firme che passiamo, perché ne facciano buon uso, ai futuri eletti come stimolo a predisporre interventi che sono finora mancati.

Quello del carcere deve diventare un tema centrale dei prossimi anni di governo, nazionale e regionale. Bisogna passare dalle parole ai fatti, come hanno ricordato quei politici che si sono mostrati a favore di questa iniziativa e, soprattutto, come ha fortemente sottolineato il Presidente Napolitano con
la visita al carcere di San Vittore e le parole sulle drammatiche condizioni di vita dei detenuti.

Ci auguriamo che anche “Carcere, diritti e dignità” possa contribuire a questo cambiamento e, quindi, non possiamo che dirvi “Grazie!”.

Grazie a tutti, persone comuni e personaggi pubblici, famosi o anonimi poco importa, le cui firme valgono tutte nello stesso modo e alimentano quel sentimento civile che considera chi ha sbagliato una persona che ha il diritto di redimersi e non di essere abbrutita in un girone infernale quale somiglia sempre più il nostro sistema carcerario, che vuole parità di difesa per tutti, per chi ne ha i mezzi e per chi non ne ha, che vuole una persona con disturbi psichici ricoverata in strutture territoriali adeguate e che vorrebbe finalmente anche in Italia introdotto il reato di tortura contro ogni tentazione di brutalità.

Grazie. Il successo dell’appello dà speranza. Ma non deve restare un episodio. La mobilitazione continua, l’appuntamento di questo pomeriggio alle 18 all’incontro pubblico che a Palazzo Reale chiude la settimana di “Carcere, diritti e dignità” è solo una tappa. Nuovi appuntamenti seguiranno. Ve li faremo sapere, ascoltate il tam tam.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: